logo
in quale pagina sei
            in quale pagina sei ==> trekking       
i borghi
 
itinerari
 
geolocalizzazione
 
IMMAGINI
SITI DI TREKKING
pagina ufficiale del Club Alpino Italiano
trekking e outdoor
scopri le migliori escursioni guidate nella tua zona
libreria per corrispondenza
vivere la montagna in sicurezza e conoscerla in compagnia
trekking italia
sentieri e itinerari escursionistici
trekking in Lombardia
camminare in compagnia, viaggiare a piedi
sentieri di montagna
il paese dei cammini
viaggi a piedi
rifugi della Lombardia
vie normali
centinaia di itinerari a tua disposizione
immagini: GFNesso Triangolo Lariano.

Il Triangolo Lariano o Penisola Lariana è la parte di terra compresa fra i due rami del Lago di Como, detto anche "Lario", da cui il nome del triangolo. Costituisce quindi una penisola. Occupato da rilievi montuosi prealpini, che culminano col Monte San Primo (1.686 metri), è tagliato in senso verticale dal solco della Valassina (o Vallassina), entro cui scorre il primo tratto del fiume Lambro. La Comunità montana del Triangolo Lariano (con sede a Canzo) è l'ente territoriale corrispondente, con esclusione dei comuni appartenenti alla provincia di Lecco. È cinto a sud da sei laghi di piccole dimensioni: Montorfano, Alserio, Pusiano, Lago di Annone, Segrino e Garlate [Wikipedia].
Il Triangolo Lariano, così denominato nel 1942 dal geologo Arturo Cozzaglio, possiede una grande varietà paesaggistica e di natura, ed è posto a pochi chilometri dall'area urbana/suburbana di Milano. Il suo territorio comprende 31 comuni, 20 cime principali, un pianoro, l'alto corso del fiume Lambro, un importante sistema di grotte. Il clima è di tipo mediterraneo con estati fresci e inverni miti, alquanto piovoso nelle stagioni intermedie, ma con splendite giornate di sole in primavera e in autunno. In inverno (ma non tutti) nevica, ma la neve rimano solo oltre i 500 mt.

Montagne:


Pian del Tivano (il cui nome deriva dal vento che lo percorre) è un pianoro glaciale, a circa 950 mt. s.l.m., formato da lingue laterali dei ghiacciai che scendevano dalla Valtellina/Val Masino verso Como. E' compreso nei comuni di Sormano, Zelbio e Nesso, in quest'ultimo prende il nome di Piani di Nesso. Il Pian del Tivano ha un andamento est/ovest, mentre i Piani di Nesso hanno un andamento nord/sud; il complesso dei piani forma una L capovolta in orizzontale. Il Pian del Tivano è occupato da pascoli, ma presenta interessanti fioriture, fra cui: Crochi bianchi e violetti, Scille, Primule, Denti di leone, Genziane, Ranuncoli, Bottoni d’oro, Gerani di prato, Astranzie e diverse specie di Orchidee. Ma la fioritura per cui andava famoso il Pian del Tivano, come molti altri luoghi del Triangolo Lariano, era quella dei Narcisi, che in passato riuscivano letteralmente ad imbiancare i prati con il candido colore delle loro corolle; ora dopo una raccolta indiscriminata negli anni questi fiori sono diventati rari, e la Regione Lombardia li ha dichiarati flora protetta. In entrambi i Piani sono presenti pozze d'acqua, anticamente usate come abbeveratoio di animali, ora piccole zone umide e torbiere, in cui vivono specie vegetali caratteristiche.

Il carsismo: al Pian del Tivano è presente l'attuale grotta più lunga d'Italia denominata Complesso della Valle del Nosèe (Grotta Tacchi - Grotta di Zelbio - Boeucc di Bianchen - Grotta presso la Capanna Stoppani - Ingresso Fornitori) per un totale di oltre 63 km in sviluppo reale. Il collegamento tra le grotte Stoppani e Tacchi ha permesso di ottenere questo attuale record. Un gruppo di speleologi lombardi ha realizzato infatti la giunzione tra il complesso Fornitori-Stoppani e il complesso Tacchi-Zelbio-Bianchen, obiettivo rincorso da decenni che è stato possibile realizzare grazie alle particolari condizioni di siccità e forte freddo che hanno permesso di attraversare il tratto solitamente sommerso dall’acqua e scavare nella frana che occupava il collegamento.
Un'altra grotta presente è il Buco della Nicolina il cui ingresso si trova pochi metri sotto la strada provinciale che percorre il Piano. Gran parte della cavità si sviluppa a circa 100 m di profondità rispetto alla superficie topografica, ma vi sono due rami che si approfondiscono fino a superare i 200 mt dalla superficie. Nonostante la vicinanza geografica, è altamente improbabile che esista un collegamento fra Niccolina e Stoppani.


Fiume Lambro: è un fiume della Lombardia lungo 130 km, percorre tutta la Brianza e poi a sud di Milano confluisce da sinistra nel Po. Attraversa la Valassina, bagnando i centri di Asso, Canzo, Ponte Lambro ed Erba e si immette nel lago di Pusiano. Attraversa la Brianza, con andamento tortuoso in un territorio collinare. Bagna Monza e il suo Parco, all'entrata in città il fiume si divide in due rami, il Lambro vero e proprio (con alveo naturale) e il Lambretto, un canale artificiale fatto costruite dai Visconti a difesa della parte orientale della città. Uscito da Monza con il corso riunito passa fra Sesto e Cinisello e entra in Milano nel Parco Lambro, lambisce alcuni quartieri esterni della città e solca il Parco Sud. Attraversa Melegnano, sant'Angelo Lodigiano e nel comune di Orio Litta confluisce da sinistra nel Po.

La Conca di Crezzo: è un piccolo ambiente umido ben conservato che ospita un piccolissimo laghetto alimentato da risorgive. La conca è stata formata da una lingua laterale dei ghiacciai che scendevano dalla Valtellina/Val Masino verso Lecco, durante le grandi glaceazioni. Bellissimo il panorama verso est con la visione dell'imponente Gruppo delle Grigne (settentrionale e meridionale) e il sottostante lago di Lecco. Poco oltre il laghetto, sul fianco sinistro della strada che scende verso Lasnigo, è presente una zona paludosa che da luogo alla sorgente del Lambretto, corso d'acqua affluente del Lambro a Lasnigo.

Funghi di terra di Rezzago: sono formazioni geologiche originatesi in terreno morenico dal ritiro del Ghiacciaio Abduano ivi presente, con il deposito di grandi massi erratici. Sono noti anche con il termine scientifico di "Piramidi di Erosione". Nel tempo il dilavamento causato dalle acque piovane erode il terreno, ma il masso erratico protegge il materiale sottostante dall'azione delle acque, così nascono i funghi di terra costituiti da terra compatta sovrastata dal masso a mo di fungo. La zona è occupata da un bosco di latifoglie miste con Carpini neri, Frassini, Tigli e Querce. Sono situati in un vallone sulle pendici del Monte Palanzone, ove vi scorre il Torrente Rezzago affluente del Fiume Lambro.

Massi erratici o trovanti: sono enormi massi di granito trascinati dai ghiacciai alpini e lasciati sul terreno al loro ritiro. Se ne trovano in tutto il territorio del Triangolo Lariano, di seguito un elenco (non esaustivo) di essi:

Lago del Segrino: è un piccolo lago prealpino di origine glaciale. Si allunga in direzione nord/sud per circa 1800 mt fra il Monte Cornizzolo a est e il Monte Scioscia a ovest. Non ha un immissario, ma è alimentato da sorgenti, un piccolo emissario esce a sud e sfocia nel lago di Pusiano. L’ambiente presenta una tipica vegetazione acquatico-palustre, che forma attorno al lago delle fasce a composizione floristica variabile con la profondità dell’acqua. Alcune parti del lago sono interessate dal classico canneto a canna di palude; i fondali sono interessati da una vera e propria prateria sommersa di Millefoglie d’acqua; la copertura dei versanti montani è costituita da boschi cedui.

Alpe del Vicerè: ampio pianoro sui contrafforti del Monte Bolettone, deve il suo nome a Eugenio di Beauharnais, figliastro di Napoleone Bonaparte e da lui nominato Viceré d’Italia, che nel 1810, durante il suo viceregno lo acquistò. Nel periodo fra le due guerre venne costruito un villaggio alpino con 18 piccoli edifici distribuiti in piccoli gruppi. Durante la II Guerra Mondiale qui alloggiarono l’Accademia Navale, l’Accademia Aeronautica e le “SS” italiane; il villaggio venne distrutto da un bombardamento aereo. Oggi l’Alpe del Viceré è un piccolo parco, punto di partenza per interessanti itinerari di trakking. Il sito è anche interessante per la sua morfologia carsica: le rocce calcaree del substrato sono infatti interessate da fenomeni di tipo carsico. Ospita il complesso "Alpe delViceré - Buco del Piombo" è uno dei più interessanti dal punto di vista speleologico di tutta la Lombardia.

La cucina: si è formata nei secoli sulla base delle risorse alimentari della zona, essenzialmente la pesca di lago e la pastorizia alpina. Il nucleo principale della cucina di lago è il pesce di acqua dolce che fornisce la base per alcuni piatti tipici: il riso bollito o il risotto con il pesce persico, il lavarello in "carpione", e i famosi misultin: agoni privati di interiora, salati e essiccati al sole. La polenta è la regina della tavola sui monti; molto preparata è anche la polenta uncia: un pasticcio di polenta e formaggio, innaffiata da un soffritto di burro, aglio ed erba salvia. Negli alpeggi di producono numerosi formaggi, sia di latte vaccino che di capra.
contatti  |  segnala sito  |  mappa del sito   |     |   webmaster   |  ?
tutti i diritti riservati © acweb-2004.it
info validazione w3c 
 
tutte le pagine sono validate "W3C"


A cosa serve la validazione W3C? - Serve perché esistono delle regole per scrivere pagine web e se tutti seguono le stesse direttive, tutti i tipi di browser possono visualizzare correttamente le pagine dei nostri siti. Se le direttive sono uguali per tutti, allora anche i vari browser possono adeguarsi ed in questo modo una pagina web viene visualizzata in modo corretto a prescindere dal browser, dall'hardware o dal sistema operativo utilizzato.

Perché un sito dovrebbe essere certificato W3C? - La certificazione stabilisce che il sito è tecnicamente conforme agli standard del W3C e questo anche a dimostrazione della qualità costruttiva nella realizzazione del sito web. Inoltre il W3C indica che il sito è fruibile da tutti, a garanzia della massima accessibilità da parte degli utenti, indipendentemente dalla condizione fisica, dalla lingua, dalla dislocazione geografica, dall'hardware, dal browser e dal sistema operativo.
Inoltre: avere un sito conforme W3C è ulteriore garanzia di rispetto ed attenzione verso tutte le persone diversamente abili.
 
Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS
chiudi
info per la navigazione nel sito


Versione sito: 1.1 -- del: 12/07/2021 - Il sito è ottimizzato per una risoluzione di 1024x768px; con risoluzioni video inferiori compariranno le barre di scroll.

E' stato realizzato e testato per essere visualizzato correttamente con i seguenti browser:
Microsoft Edge 89.x - Opera 75.x - Firefox 87.x - Safari (win) 5.x - Google Crome 89.x. Tutti i marchi citati sono dei rispettivi proprietari.
Browser consigliato: Mozilla Firefox

Browser più vecchi potrebbero non supportare le moderne tecnologie presenti nel sito e non visualizzare correttamente le pagine.
 
chiudi