logo
in quale pagina sei
            in quale pagina sei ==> itinerari ==> da Como a Brunate per il sentiero Alda Merini       
i borghi
 
itinerari
 
geolocalizzazione
 
SITI DI TREKKING
pagina ufficiale del Club Alpino Italiano
trekking e outdoor
scopri le migliori escursioni guidate nella tua zona
libreria per corrispondenza
vivere la montagna in sicurezza e conoscerla in compagnia
trekking italia
sentieri e itinerari escursionistici
trekking in Lombardia
camminare in compagnia, viaggiare a piedi
sentieri di montagna
il paese dei cammini
viaggi a piedi
rifugi della Lombardia
vie normali
centinaia di itinerari a tua disposizione
targa del sentiero con il suo schizzo di ritratto
Da Como a Brunate per il sentiero Alda Merini

mappa: []
traccia gps.

partenza: da fine via Tommaso Grossi a inizio via per Brunate [ ].
parcheggio: inesistente all'inizio del sentiero. Il parcheggio nella città di Como è molto difficoltoso e quasi ovunque a pagamento. Si consiglia l'utilizzo dei mezzi pubblici.
statistica: [].

Alda Merini: è stato una poetessa lombarda, una delle più amate e importanti poetesse italiane. La sua vita la percorse con molti tormenti umani e di salute ai quali si alternavano proficui periodi di gratificazione del suo lavoro. Di seguito una sua poesia che scrisse per la sua data di nascita:


Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.

itinerario: che si svolge su una mulattiera costruita nel 1817 e intitolata nel 2019 nel 10° anniversario della morte alla “poetessa dei Navigli”. Alda Merini era particolarmente legata a queste terre e percorreva questo sentiero da ragazza, accompagnata dal padre, per far visita alla nonna. Il percorso è allestito con una quarantina di cartelli poetici bilingue []. Composta da gradoni selciati, all’origine 1.630, la mulattiera è stata chiamata la via delle Scalette. Purtroppo molti dei gradini si sono rovinati o sono scomparsi.
Si attraversa su un piccolo ponte il torrente Valduce e si inizia a salire [] si oltrepassano le ultime case di Como [  ], e il sentiero si immerge nel bosco [], si sale a zig-zag [ ] e si arriva a un bivio [ ] a sx per la salita San Donato a dx per la Val Gioera e ci conduce alla frazione di Garzola. Si prende a sx e si sale una lunga scalinata []; questo tratto di sentiero è particolarmente ricco di cartelli con poesie fissate sugli alberi [              ]. Superato il tratto con cartelli, si continua a salire a zig-zag [], in uno squarcio del bosco la vista mostra orribili condomini costruiti sul pendio montuoso [ ]; si arriva a un bivio [] e si prende a sx una rampa di scale [] che porta al complesso monumentale di San Donato.


Eremo di San Donato: è un ex convento francescano costruito nel XV secolo e ora abitazione privata. E' stato costruito su uno sperone di roccia lungo quella che nei secoli era la principale via di collegamento fra Como e Brunate a 453 mt s.l.m. Precedentemente era un luogo di penitenza, una grotta naturale utilizzata dagli eremiti. Il nome è quello del patrono di Arezzo il cui culto si diffuse nella zona nell'alto medioevo. Nel 1780 il complesso fu venduto a privati; da allora è stato adibito ad abitazione; all'inizio degli anni Ottanta del Novecento è stato frazionato e trasformato in un condominio di dodici appartamenti indipendenti. Solo la chiesa mantenne la funzione originaria, l'edificio è a campata unica con abside coperto da una volta a ombrello [       ]. Il luogo è anche un balcone panoramico sulla città di Como [].

Verso Brunate: la mulattiera prosegue meno ripida e in parte ancora gradinata [ ]; si arriva all'azienda agricola San Donato [ ]. Proseguendo si intercetta una strada asfaltata che si attraversa [] e si riprende a salire nel bosco, con la mulattiera sempre a gradini [ ], qua e là sugli alberi cartelli con poesie di Alda Merini [   ]. Si raggiunge Brunate e il percorso continua su una strada asfaltata [  ], si fiancheggia un parco pubblico con giochi, un garage e un bagno pubblico [] e si arriva nel centro del paese [].
contatti  |  segnala sito  |  mappa del sito   |     |   webmaster   |  ?
tutti i diritti riservati © acweb-2004.it
info validazione w3c 
 
tutte le pagine sono validate "W3C"


A cosa serve la validazione W3C? - Serve perché esistono delle regole per scrivere pagine web e se tutti seguono le stesse direttive, tutti i tipi di browser possono visualizzare correttamente le pagine dei nostri siti. Se le direttive sono uguali per tutti, allora anche i vari browser possono adeguarsi ed in questo modo una pagina web viene visualizzata in modo corretto a prescindere dal browser, dall'hardware o dal sistema operativo utilizzato.

Perché un sito dovrebbe essere certificato W3C? - La certificazione stabilisce che il sito è tecnicamente conforme agli standard del W3C e questo anche a dimostrazione della qualità costruttiva nella realizzazione del sito web. Inoltre il W3C indica che il sito è fruibile da tutti, a garanzia della massima accessibilità da parte degli utenti, indipendentemente dalla condizione fisica, dalla lingua, dalla dislocazione geografica, dall'hardware, dal browser e dal sistema operativo.
Inoltre: avere un sito conforme W3C è ulteriore garanzia di rispetto ed attenzione verso tutte le persone diversamente abili.
 
Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS
chiudi
info per la navigazione nel sito


Versione sito: 1.1 -- del: 12/07/2021 - Il sito è ottimizzato per una risoluzione di 1024x768px; con risoluzioni video inferiori compariranno le barre di scroll.

E' stato realizzato e testato per essere visualizzato correttamente con i seguenti browser:
Microsoft Edge 89.x - Opera 75.x - Firefox 87.x - Safari (win) 5.x - Google Crome 89.x. Tutti i marchi citati sono dei rispettivi proprietari.
Browser consigliato: Mozilla Firefox

Browser più vecchi potrebbero non supportare le moderne tecnologie presenti nel sito e non visualizzare correttamente le pagine.
 
chiudi